Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

ALBERTO

ALBERTO

Pescara del Tronto ci ha visto di nuovo uniti in matrimonio quel giorno di agosto del 2016.

La nostra è stata una lunga storia d’amore, fatta di quello strano miscuglio di tenerezze che ti unisce senza ipocrisie.

Avremmo voluto, insieme, fare ancora molte cose, ma la realtà dura e vorace ha trasformato i nostri sogni in un’azione ancora da fare, nella storia di un momento che non c’è più stato, in pagine ancora da scrivere.

Poi è arrivato il terremoto e il nostro mondo è scomparso. In qualche modo siamo stati fortunati per il semplice fatto di esserci stati, a Pescara del Tronto, a sposarsi di nuovo.

Ho promesso, tra l’umidità di qualche lacrima, di vivere nel tuo ricordo, ma è dura, è ancora troppo difficile per me, pensavo di avere più forza, non è così.

Entro con tutta la mia rabbia, in questa nuova dimensione.

Ho lasciato le certezze di un rapporto che procedeva su binari definiti e su affetti classici per inseguire il sogno di parlarti ancora.

Poi ho capito, la rabbia è andata via, ti sento, ti vedo…… parliamo.

Il pensiero del nostro amore stroncato, con la violenza che solo il destino usa, mi lascia l’occasione di cambiare la percezione delle cose, del nostro essere ancora insieme.

Il mio amore è per te……..

 

Buon compleanno Alberto.

Altro in questa categoria: « GRAMMATICA DELLA SHOAH IL CAPPOTTO ROSSO »
Torna in alto