Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

"Minchia Signor Tenente" …

Dal 31 gennaio al 2 febbr...

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

Prev Next
A+ A A-

CHE MERAVIGLIA ROMA MIA!

CHE MERAVIGLIA ROMA MIA!

Giornata in giro per Roma.

Dal Teatro Marcello al Ghetto, poi Campo de' fiori, Chiostro del Bramante, Piazza Navona, Pantheon e poi ancora Via dei Coronari e cortili e piazzette e vicoli e... luce spettacolare sui tetti e sui marmi di Roma.

L'oro di Roma è proprio la luce color ocra che si riflette sulle mura antiche e splendide, quella luce calda che ti accoglie e ti fa sentire in un nido, che ti fa spalancare gli occhi e girare con il naso all'insù, a scoprire ora una Madonna dipinta ora una scolpita sulle pareti avvolte dall’edera.

Quella luce calda che ti stupisce ogni volta che, girato un angolo, ricopre una fontana o uno scorcio con un lampione di ferro o un terrazzo pieno di verde o che, all’improvviso,si infrange su di un sampietrino e ti rimbalza negli occhi. Odori, sapori, voci e risate.

" ‘ngiorno, ve volete sede’ ar tavolo? Eh, no, immaggino… dopo tre ggiorni de magnate a chi je va se sedesse! C’avete raggione, c’avete. Bbona passeggiata!"

Che meraviglia Roma mia!

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

Torna in alto