Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

Prev Next
A+ A A-

CHE MERAVIGLIA ROMA MIA!

CHE MERAVIGLIA ROMA MIA!

Giornata in giro per Roma.

Dal Teatro Marcello al Ghetto, poi Campo de' fiori, Chiostro del Bramante, Piazza Navona, Pantheon e poi ancora Via dei Coronari e cortili e piazzette e vicoli e... luce spettacolare sui tetti e sui marmi di Roma.

L'oro di Roma è proprio la luce color ocra che si riflette sulle mura antiche e splendide, quella luce calda che ti accoglie e ti fa sentire in un nido, che ti fa spalancare gli occhi e girare con il naso all'insù, a scoprire ora una Madonna dipinta ora una scolpita sulle pareti avvolte dall’edera.

Quella luce calda che ti stupisce ogni volta che, girato un angolo, ricopre una fontana o uno scorcio con un lampione di ferro o un terrazzo pieno di verde o che, all’improvviso,si infrange su di un sampietrino e ti rimbalza negli occhi. Odori, sapori, voci e risate.

" ‘ngiorno, ve volete sede’ ar tavolo? Eh, no, immaggino… dopo tre ggiorni de magnate a chi je va se sedesse! C’avete raggione, c’avete. Bbona passeggiata!"

Che meraviglia Roma mia!

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

Torna in alto