Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Logo
Stampa questa pagina

GUBBIO, INTENSO PROFUMO DELL’ETA’ DI MEZZO

Gubbio (foto EEC PRESS) Gubbio (foto EEC PRESS)

Gubbio è come un’immensa gradinata di pietra aggrappata al Monte Ingino.

La sua bellezza è immensa, il suo fascino sta tutto nei vicoli, nelle facciate delle case, nei palazzi sporgenti sulla valle.

È la città di pietra per eccellenza, i suoi scorci da cartolina sono magnifici e specie al tramonto formano un gioco di luci ed ombre da rimanere incantati.

Il medioevo si respira camminando, mentre passeggi ti immagini i cavalieri, i castelli e l’amor cortese, i roghi, l’inquisizione ed i templari.

È impossibile percorrere le strade ed i viottoli caratteristici della cittadina umbra e non sentirsi catapultati nell’età di mezzo. Il tempo sembra non aver toccato Gubbio, dove chiese e palazzi costruiti in pietra ne esaltano l’architettura medievale e rinascimentale.

Qui il passato non è passato ma presente, custodito con amore e passione dagli eugubini che rivivono e fanno rivivere le tradizioni storiche e culturali.

Ho visitato Gubbio come turista, e ne sono rimasta affascinata, ma voglio tornarci per riviverla, per fare una semplice passeggiata e farmi raccontare la sua storia non dalle guide turistiche, ma dagli eugubini...

 

“ SI CREDE DI SOGNARE O DI TROVARSI DI FRONTE A UNO SCENARIO TEATRALE E BISOGNA CONTINUAMENTE PERSUADERSI CHE INVECE TUTTO E’ LI’, FERMO E FISSATO NELLA PIETRA”

 (Hermann Hesse)

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA