Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Donne e Islam: la svolta degli Emirati Arabi Uniti

Donne e Islam: la svolta degli Emir…

Le questioni di genere, o...

Prev Next
A+ A A-

MASSIMILIANO DI MATTEO, UN ABRUZZESE VINCE IL MASTER CHEF ISRAELIANO

MASSIMILIANO DI MATTEO, UN ABRUZZESE VINCE IL MASTER CHEF ISRAELIANO

Il nuovo re dei fornelli dell’edizione israeliana di Master Chef è un italiano, Massimiliano Di Matteo, originario di Roseto degli Abruzzi.

Massimiliano è arrivato in finale con altri due concorrenti  israeliani ed ha vinto riproponendo ricette del suo paese: “… gli ho fatto vedere ed assaggiare la cucina italiana che non conoscono, quella di mia madre e di mia nonna, quella delle tradizioni delle nostre parti….”.

39 anni, sposato da 13 con un’israeliana e papà di tre figli, si è trasferito da poco a Modin vicino Tel Aviv. Ha lavorato 17 anni a New York dove aveva un caffè nell’East Village.

In un’intervista è stato lui stesso a spiegare che la sua intenzione era di “portare una novità, la nostra cucina regionale ed i nostri prodotti, quasi nessuno conosce l’Abruzzo in Israele”.

Da qui la decisione di partecipare a Master Chef: “così ho la possibilità di parlare della mia regione, del nostro cibo e tradizioni e allo stesso tempo di farmi conoscere… mia madre è cresciuta a Roseto degli Abruzzi in una famiglia di contadini e preparava il pane per tutti. Io sono cresciuto in quell’ambiente, e lì ho imparato”.

Durante la finale ha cucinato anche piatti di due grandi chef italiani: Davide Scabin, piemontese e Niko Romito, abruzzese.  Quello ispirato a Scabin è stato un filetto impanato cucinato a bassa temperatura, mentre quello suggerito da Romito lo ha presentato durante la finale, zuppa di cipolle con bottoni di formaggio e zafferano.

È stata una scelta vincente che ha impressionato positivamente i giudici, “ho messo il cucchiaio in bocca, ho chiuso gli occhi e mi sono sentito in un altro luogo”, ha ammesso Eyal Shani. 

Massimiliano è convinto che il mercato del cibo, in Israele, è molto promettente, il suo scopo è quello di aprire un locale a Tel Aviv ed ha già trovato il sostegno di alcuni dei maggiori imprenditori israeliani nel settore della ristorazione, che si sono detti pronti ad aiutarlo nella sfida.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Torna in alto