Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-

FOOD ART: QUANDO IL CIBO DIVENTA UN'OPERA D'ARTE

FOOD ART: QUANDO IL CIBO DIVENTA UN'OPERA D'ARTE

Il connubio tra cibo ed arte è sempre esistito, dalle famose nature morte alla più moderna Pop Art, oggi si arricchisce di una nuova interpretazione: la Food Art.

Per Samantha Lee, casalinga e abile cuoca malese, mamma di due bambine, questo processo artistico è nato per gioco quando, circa quattro anni fa, per rallegrare i pasti di sua figlia, ha iniziato a realizzare coloratissimi piatti.

Ora crea personaggi dei cartoni, celebrità, animali e paesaggi conosciuti, utilizzando prodotti locali, possibilmente freschi. È anche molto attenta a ridurre al minimo lo spreco di cibo.

La food artist, ha preso spunto dal piatto Bento della tradizione giapponese, un vassoio adibito a servire un pasto confezionato come un’opera d’arte che studia la combinazione di colori dei cibi, la maniera di porli e le decorazioni della  scatola o del fazzoletto che li avvolge.

Nel pranzo Bento, troviamo una base di riso con pesce o carne, verdure e altri tipi di cibo che variano a seconda della stagione.

Nelle opere di Samantha si aggiungono le decorazioni scenografiche con le alghe, con basi di pane, nutella, frutta e cereali.

I suoi attrezzi sono semplici strumenti, coltelli, forbici e stuzzicadenti.

Prima di mettere un’idea nel piatto, realizza uno schizzo del disegno che vuole raffigurare e annota gli ingredienti che intende utilizzare.

Hello Kitti è stato il primo piatto che ha inventato, poi a seguire tutti gli altri personaggi: Fred e Wilma Flinstone, Harry Potter, la Principessa Leila, Edward mani di forbice,Catwman, Michael Jackson e tantissimi altri.

Poi ci sono le interpretazioni personali che prendono spunto dalla fantasia, dai personaggi delle favole, dalla storia.

Il suo successo, oltre che in casa è sul web, è seguita su instagram da oltre 700 mila followers ed è in continua crescita, ed ama condividere le proprie creazioni anche su facebook e sul suo sito www.leesamantha.com

 "sono sempre felice di ispirare altre mamme per creare cibo carino per i loro figli. Non deve essere fatto ogni giorno, basta provare qualche volta….”

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Torna in alto