Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Nuovi tentativi di imporre "ac…

Verso l'ultimo anno del s...

Prev Next
A+ A A-

BUDAPEST LA CITTA' CHE NON TI ASPETTI

 foto EEC PRESS foto EEC PRESS

Budapest è la città che non ti aspetti, o meglio, che ti aspetti diversa…. meno europea, meno entusiasmante, meno bella….. ed invece ti affascina al primo sguardo.

Come una bella donna ricca di fascino e di ironia, una nobildonna dalle mille sfumature, colorata e fiera, racchiude il fascino delle vecchie capitali europee ed il carattere dei paesi orientali.

La varietà delle architetture ed i tratti somatici degli abitanti raccontano quanti e quali popoli l’hanno conquistata e vissuta, e la sua forza è aver saputo prendere il meglio di ogni paese che l’ha sottomessa.

Navighi sul Danubio e gli occhi quasi non riescono a seguire tutto lo splendore che ti scorre accanto.

E’ una città dove perdersi nelle stradine, sostare nei caffè per respirare l’aria dell’impero austroungarico assaggiando una fetta di torta Dobos o immergersi nelle acque calde e ristoratrici delle tante piscine che ti aspettano per coccolarti.

Buda è la parte antica, sulla collina, Pest è la pianura ai suoi piedi, vitale e caotica con negozi, hotel e locali notturni ed il bellissimo Parlamento Gotico. Buda romantica e passionale e Pest frizzante e rumorosa.

Due storie differenti come due soffi di uno stesso cuore, divise dal Danubio e collegate da otto ponti, primo fra tutti il Ponte delle Catene, imponente e maestoso con i due leoni a guardia, anello di congiunzione tra le due culture dell’est e dell’ovest.

L’insieme crea una città unica.

Dietro gli anonimi portoni si nascondono giardini molto curati, decorazioni particolari, atmosfere colme del lungo passato.

Tutto è bellezza, persino la quantità di scarpe di bronzo scolpite sulla banchina a ricordare le migliaia di ebrei uccisi dai nazisti.

Le terme, sorgenti di acqua calda terapeutica, eredità della dominazione ottomana e turca, sono un vero splendore, le piscine interne sono sovrastate da bellissime cupole.

Il bagno pubblico, per gli ungheresi, è un rito, un momento di relax, ci vanno in ogni momento della giornata per discutere, rilassarsi ed addirittura per giocare a scacchi, indifferenti agli sguardi dei turisti curiosi.

Bicchieri di vino Tocaj, gulash e pietanze succulenti ti aspettano al Mercato Coperto per gustare il sapore della terra magiara.

E quando arriva il tramonto, ecco che la città si prepara ad indossare il suo abito migliore, ti strega definitivamente, è uno dei momenti più romantici della giornata.

Sulla scena compaiono lentamente le luci di una città che mostra con orgoglio i suoi monumenti come tante piccole lucciole, ti sembra di assistere ad una favola.

 

Budapest illuminata è una visione di rara bellezza, una foto che ti rimane dentro tutta la vita.

 

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto