Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La trilogia dei colori” di Maxence Fermine

“La trilogia dei colori” di Maxence…

Sono certa che il più gra...

“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

Prev Next
A+ A A-

IO MI SENTO A POSTO CON LA COSCIENZA

IO MI SENTO A POSTO CON LA COSCIENZA

Lo sapete che c’è? Nun ja fò più!

Si, sono un dipendente pubblico e vi stupirò: non arrivo tardi a lavoro, non esco di straforo, recupero se vado a prendere il caffè, recupero se impiego più di mezz’ora che mi spetta per il pranzo e lavoro….. si…… guarda che caso strano, lavoro e pure bene!

E rimango a casa se sto male (quando si sta in malattia tolgono i soldini, eh!) e offro anche il caffè al medico di controllo che arriva puntuale e puntuale mi trova a casa.

E mi porto la carta igienica da casa chè quella che ci spetta (ahahah) dura quattro giorni perché, due bagni, dico due, servono per circa 30 donne; le stampanti non funzionano; i contratti per le pulizie non prevedono nemmeno il minimo indispensabile e mi pulisco anche la scrivania; pesciolini d’argento sparsi d’ovunque, fanno compagnia ogni qualvolta si apre un fascicolo; nessuno, dico nessuno, viene impiegato per la qualifica che ha…. serve sempre qualcosa di più!

M’avete scocciato un po’ tutti voi che parlate male della PA sempre e soltanto perché serve qualcuno di cui sparlare.

Io mi sento a posto con la coscienza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « FELICITA' IL GUARDIANO DEL MARE »
Torna in alto