Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Logo
Stampa questa pagina

MICHELINA

MICHELINA

Quando attraversi la vita di qualcuno lasci sempre un pò di te e porti via qualcosa, avviene sempre così perché siamo colpiti nella nostra autenticità interiore.

Allora m’illudo di inseguire ancora le tue parole ed è un’illusione toccata dalla grazia dell’amore che non credevo fosse così forte, così vero.

In questi giorni vissuti in equilibrio tra la realtà dura e dolorosa e la speranza svanita troppo presto, si accende l’energia di un inseguimento alla vita che è rimasta indietro.

Mi interrogo, in un immaginario dialogo, sul cammino fatto, su quello ancora da fare, sul nulla, sull’esistenza; è il tentativo di riscoprire la memoria di un disegno perduto e tutto lascia immaginare una finestra aperta, una veduta.

Le storie hanno una strano rapporto con la vita, sembra che si rincorrano, a volte una chiama l’altra, a volte si escludono a vicenda e spesso una storia nasce proprio lì dove la vita finisce, perché ci sono linguaggi che non hanno tempo, non hanno età come quello dell’amicizia e dell’amore, perché non è mai troppo tardi per inseguire i propri desideri.

Tu lo sai, io lo so, eppure non ne abbiamo mai parlato, niente di male sono molte le persone che attendono tempo per lasciarsi andare.

La resistenza non è durata a lungo, il blu dei tuoi occhi si è spinto dove mai era arrivato, in quel momento di straordinario cambiamento in cui tutti ci sentiamo trasparenti di fronte agli altri.

E nonostante tutto ci riconosciamo e siamo riconosciuti.

 

© Riproduzione Riservata

© RIPRODUZIONE RISERVATA