Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

“Uomini Separati”di Boccaccini, una commedia sull’amicizia maschile e non solo

“Uomini Separati”di Boccaccini, una commedia sull’amicizia maschile e non solo

Uomini Separati, scritta da Rosario Galli e diretta da Claudio Boccaccini, è una commedia particolarmente ben costruita, uno spettacolo che alterna saggiamente risate a momenti di intensa riflessione. Al centro della pièce andata in scena al Teatro Ambra alla Garbatella dal 2 al 13 aprile, quattro uomini, diversi per carattere e trascorsi di vita, ma accumunati dall’ambigua condizione di separati. Quattro amici che fanno leva l’uno sull’altro e, insieme, cercano di superare gli ostacoli della vita quotidiana. Si parla così di una categoria spesso rimasta in disparte: i divorziati, gli uomini rimasti preda di paure e malinconia, schiacciati dal peso di una condizione economica precaria. 

Ognuno dei quattro esprime un diverso aspetto dell’universo maschile: c’è Franco (Andrea Lolli), cinico e opportunista; Marco (Gabriele Galli) giovane romantico, ancora ingenuo; Pippo (Felice Della Corte) saggio e riflessivo, pronto a rimettersi in gioco, infine Alfredo (Paolo Gasparini) da poco lasciato e sull’orlo di una crisi depressiva. A far da collante non solo la loro condizione di uomini separati, perché i quattro amici conoscono Laura, giovane e affascinante, per la quale perdono la testa. E così il complesso universo maschile si trova a confrontarsi, seppur con notevoli difficoltà, con il misterioso universo femminile.

In Uomini Separati si ritrova finalmente nel teatro il profondo senso di amicizia, quello vero, che supera i malintesi e addirittura la rivalità per una donna. Si ride delle piccole debolezze, della condivisione di momenti di sconforto e di spensieratezza, sempre con uno sguardo attento e profondo all’animo umano, in un intreccio scorrevole e sempre pronto a dispensare sorrisi, come un amico vero è. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « DIARIO 4.9 IL VIAGGIO »
Torna in alto