Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: un’occasione per il rilancio dell’economia italiana

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: …

Mentre l’Italia attravers...

Prev Next
A+ A A-

LA GRANDE BELLEZZA

LA GRANDE BELLEZZA

Alla fine Sorrentino ce l’ha fatta, ha trionfato a Los Angeles con La grande bellezza  conquistando l’Oscar come miglior film straniero. Non è mancato un ringraziamento speciale a Federico Fellini, storico regista al quale Paolo Sorrentino ha sempre confessato di essersi ispirato. Questo la dice lunga su La grande bellezza.

Si tratta di un’opera potente, ricca di suggestioni e diretta magistralmente dal regista napoletano: una perla destinata a rimanere nella storia del cinema italiano. La macchina da presa scivola sui marciapiedi di Roma con una lentezza estasiante, quel tanto che occorre per rimanere ancora una volta meravigliati dalla bellezza delle sue strade, dei giardini, dei monumenti e dei tramonti. Jep Gambardella (Toni Servillo) giornalista una volta scrittore di successo, alterna trasgressioni mondane a interminabili passeggiate in solitudine. Jep è l'ago con il quale Sorrentino penetra una Roma grottesca, surreale e in fin dei conti triste, costruita attorno a trenini di cinquantenni ricchi e annoiati che sfilano su terrazze di lusso.

La città è vuota, stranamente silenziosa, ridotta all'essenziale di ciò che serve per passare il tempo che intercorre tra un gin lemon e un altro. Ci sono solo loro, le loro frustrazioni nascoste dalle grandi case vuote, la loro ricchezza che non li allieta più, cocktail party in cui in fondo decidono di stare soli insieme. E poi c'è Jep, il maestro della mondanità, ironico e cinico, che, da solo con se stesso, riscopre una sensibilità verso l'esistenza che aveva rinchiuso nel suo unico grande romanzo, “L’apparato umano”.

La grande bellezza è piaciuto nel mondo perché quella Roma è ovunque, è l’affresco di un mondo contemporaneo che segretamente sappiamo essere tra noi. Ed è piaciuto perché ha fatto parlare di sé, ha emozionato e spaccato parte del pubblico e della critica. Sorrentino riporta così il cinema italiano in vetta, proprio così come il suo Fellini fece molti anni fa, lasciando sperare che un nuovo corso del cinema nostrano sia iniziato e che possa regalare ancora grandi soddisfazioni come quella della magica notte di Los Angeles.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte immagine: www.nanopress.it

Torna in alto