Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

4 febbraio 2004 - 4 febbraio 2014

4 febbraio 2004 - 4 febbraio 2014

“Facebook è stata fino ad ora un’esperienza incredibile e sono davvero grato di esserne parte…

Nei prossimi dieci anni, avremo l’opportunità e la responsabilità di connettere un numero sempre

maggiore di persone, continuando a fornire il nostro servizio nel miglior modo possibile”.

(Mark Zuckerberg)

Quanti, 10 anni fa, avrebbero scommesso sul successo di Facebook.

Mark Zuckerberg, il 4 febbraio 2004, nella sua stanza dell’Università di Harvard, prendendo spunto dal libro in cui vengono inseriti i profili e le foto degli studenti (da qui il nome facebook), metteva on line la prima versione della piattaforma, utilizzata oggi da più di un miliardo di persone.

Il progetto, originariamente, era stato creato esclusivamente per gli studenti della zona di Boston. Oggi è il sito più visitato del mondo, disponibile in oltre 70 lingue.

Non è semplicemente un social network, ma una realtà economico-finanziaria di notevole rilievo, il primo quotato a Wall Street. Con il passare degli anni ha implementato nuove funzioni, entrando nel mercato pubblicitario, dando la possibilità agli utenti di poter pagare per pubblicizzare la propria attività.

In questi anni ne abbiamo sentite tante su Facebook: c’era chi diceva che era per fannuloni, chi, a soli due anni dall’arrivo nel nostro paese, ci consigliava di abbandonarlo. Ma nonostante tutto Facebook è ancora qui, vivo e vegeto, anche se di recente uno studio dell’Università di Princeton ne ha previsto l’estinzione.

Probabilmente non sarà così.

E’ un fenomeno sociale la cui rilevanza non può più essere taciuta. Basti pensare, se ci riflettete un attimo, all’attualità: non c’è un evento, politico, di cronaca, economico che non faccia riferimento a Facebook, come strumento per comunicare o come fonte di notizie.

Un aspetto su cui vale la pena continuare a riflettere.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto