Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Dalle Marche la Lettera al presidente Tajani

Dalle Marche la Lettera al presiden…

Riceviamo e pubblichiamo ...

Prev Next
A+ A A-

MARIANGELA

Mariangela MelatoÈ morta la Regina del Palcoscenico Italiano, così hanno detto i mass media, un nome importante del cinema e del teatro.

Una donna che con il suo talento ha contribuito alla crescita del suo Paese. E non solo.

Nella sua vita ha frequentato e conosciuto grandi attori e registi ma, soprattutto, è proprio lei che si è fatta conoscere dal suo pubblico con la grinta, la passione, la voce roca e la sua indiscussa bravura.

Capire il proprio talento, riconoscerne l’efficacia, coltivarlo con dedizione e impegno per poi metterlo al servizio degli altri è uno dei meriti di questa donna. Tra gli altri, ha avuto anche il merito di non aver messo in atto la rappresentazione della malattia e del suo dolore.

Se n’è andata in silenzio come quando la sua voce spariva per sottolineare una battuta teatrale. La vita come il teatro, ma senza finzione, solo una pura verità.

È morta una donna minuta nel fisico e tenace nel carattere che ci ha donato entusiasmo, sensualità, ironia e intelligenza.

Grazie Mariangela per averci regalato te stessa attraverso i tuoi mille volti.

 

 

(immagine tratta da www.ilgiorno.it)

 

© Riproduzione Riservata

Torna in alto