Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Roma

Roma

Roma è una città per dive...

Le sfide interne ed esterne della Giordania

Le sfide interne ed esterne della G…

I recenti cambiamenti nel...

Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Giordania: la necessità di rivedere…

Stiamo andando nella gius...

BOHEMIAN RHAPSODY

BOHEMIAN RHAPSODY

Ieri sera ho visto "Bohem...

Abbiate il coraggio di restare soli

Abbiate il coraggio di restare soli

La lettera del sindaco, l...

Buon anno e 195 giga di questi pixel!

Buon anno e 195 giga di questi pixe…

Una foto da 195 miliardi ...

Ciao Antonio

Ciao Antonio

"Se potessi fermare il te...

Riceviamo e pubblichiamo: lettera aperta al Ministro per la Pubblica Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo: lettera a…

LETTERA APERTA AL MINISTR...

Allerta USA su spionaggio dalla CINA

Allerta USA su spionaggio dalla CIN…

Quante aziende tecnologic...

Black Friday e test del DNA

Black Friday e test del DNA

Eccoci ci siamo è in arri...

Prev Next
A+ A A-

Rubrica di Criminologia a cura del Criminologo Dr. Francesco Caccetta (autore del libro "L'occasione fa bene al ladro - Il controllo del vicinato"), raccoglie anche articoli sulle tematiche di investigazione e sicurezza.

Furti in abitazione, fenomeno incontrastato?

Riprendiamoci i nostri territori, con il controllo del vicinato.

Di Francesco Caccetta[1]

L’occasione fa bene al ladro!

Ripeto questa frase ogni volta che incontro gruppi di cittadini desiderosi di conoscere le migliori modalità con le quali difendersi dai reati contro il patrimonio.

In effetti, la richiesta di trovare qualche soluzione al dilagare dei furti nel territorio nazionale è sempre più in crescita e gli abitanti di città e paesi sono sempre più spaventati e preoccupati.

Leggi tutto...

Dimmi cosa mangi…ti dirò come muori!

Se sapeste che tra pochi istanti sarete obbligati a percorrere il tunnel che vi porterà all’altro mondo, vi si chiuderebbe lo stomaco o avreste un grande appetito?

Personalmente a mala pena riesco a prendere un caffè prima di una giornata importante, ma se sapessi che sicuramente sarebbe l’ultima e definitiva occasione di assaggiare quell’aroma travolgente, direi di no?

Leggi tutto...

Meglio un ladro in casa… che un processo fuori dalla porta?

Il falso luogo comune del sequestro di persona nei confronti del ladro. 

Di Francesco Caccetta[1] 

Pronto, Polizia? Ho sorpreso un ladro in casa e l’ho arrestato, venite a prenderlo!”

Questa è la frase che vorrebbero sentire gli operatori delle centrali operative del 112 e/o 113, invece, purtroppo, sono sempre i luoghi comuni ad averla vinta e la frase che si ascolta è un’altra: “Pronto, Polizia? Avevo sorpreso un ladro in casa, ma l’ho lasciato andare via, per non trovarmi incriminato per sequestro di persona!”

Leggi tutto...

Reagire allo stalking: un diretto esempio di sesso non-più debole

“Le donne sono state fatte per essere amate, non per essere capite…”  (O. Wilde – Il ritratto di Dorian Gray) 

In questo periodo sentiamo parlare tanto di femminicidio, violenza sulle donne, stalking e chi più ne ha più ne metta. Ovviamente sono fenomeni da non sottovalutare e da tenere sotto attenta osservazione ma purtroppo si può notare un crescente interesse mediatico verso la figura della donna vista come una vittima senza via di scampo. Anni di lotta per le pari opportunità messe per un momento da parte a favore di una visione della donna come il sesso debole alla mercè degli istinti violenti e animaleschi di un uomo.

Leggi tutto...

L’abito non fa il... poliziotto?

Il significato psicologico dell’uniforme

Saggio di Francesco Caccetta[1] 

Ormai è abbastanza noto, specialmente per i sempre più numerosi studiosi del linguaggio non verbale e della prossemica, che l’abbigliamento e l’apparenza fisica, sono importanti nello sviluppo iniziale di una relazione sociale e hanno addirittura più effetto della personalità, quindi nelle relazioni iniziali, l’uso, in particolare, dell’uniforme, che identifica una persona con un potere coercitivo, una potenziale capacità di arrestare e usare la forza per ristabilire l’ordine ha un significativo impatto psicologico.

Leggi tutto...

LA PSICOPATIA

Il termine “psicopatia”, costrutto che si riferisce al comportamento criminale di un individuo, piuttosto che al suo stato mentale, attualmente non è più presente nelle classificazioni, benché la sua essenza rimanga presente nel DSM-IV  e nell’ ICD-10. Infatti, nel corso del tempo il costrutto di personalità antisociale, ha soppiantato l’uso del termine “psicopatia”, sebbene, in relazione a specifiche tipologie di condotte criminali, tra cui i serial killer, si sia tornati a parlare di personalità psicopatica.

Leggi tutto...

A che gioco giochiamo? Quando la scommessa diventa gambling

Di Francesco Caccetta[1] 

Gli adolescenti, nella nostra attuale società, hanno moltissime opportunità di scommettere, più di quante se ne possano veramente realizzare. Spiegare quindi ai nostri figli in che consiste il gioco d’azzardo, può aiutarli a comprendere meglio i rischi che esso comporta. Aiutare i ragazzi a orientarsi verso altri interessi e hobby, può aiutarli inoltre a trovare modi più sani per divertirsi.

Le statistiche già ci dicono che c’è una distinzione di genere, poiché i maschi rischiano di sviluppare problemi di gioco d’azzardo compulsivo più delle femmine.

Leggi tutto...

Il sapore dell’uomo: psicopatologia, religione e istinto di sopravvivenza

“Uno che faceva un censimento, una volta, tentò di interrogarmi. Mi mangiai il suo fegato con un bel piatto di fave e un buon Chianti.”

Questa citazione si trova al 21° posto nelle migliori frasi della storia del cinema, e chiunque abbia visto almeno una volta “Il silenzio degli innocenti” avrà perfettamente impresso in memoria la freddezza con cui il Dr. Hannibal Lecter (interpretato magistralmente da Anthony Hopkins) parla del suo efferato omicidio e successivo cannibalismo. 

Quando ciò avviene tra esseri umani, scientificamente è definito “antropofagia” ed è il più grande tabù del pensiero umano moderno e può affiorare come atto materiale in situazioni di gravi psicopatologie. Si riconoscono due forme di cannibalismo “accettato” :

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS