Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Prev Next
A+ A A-

"La fanciulla senza mani": l'integrità psichica perduta

Fiabe antiche e significati attuali

Nella mia ricerca sulla identità della donna ed il sapere custodito tra le righe delle fiabe più antiche, intendo porre attenzione sulla storia della "Fanciulla senza mani".

Il titolo della fiaba, ci annuncia da subito, e pone in evidenza, questo particolare che sarà il perno dell'intero percorso della protagonista.  Si tratta di un’utile indicazione d'accesso alla conoscenza che stiamo per accogliere: la centralità della storia risiede, appunto, in una fanciulla che non possiede mani. 

Protagonista della storia è, quindi, un’assenza, qualcosa che non si è mai posseduto o che, per qualche ragione, è andato perduto.

Leggi tutto...

Hänsel e Gretel: bambini orfani di genitori vivi.

Fiabe antiche ed orrori dei nostri tempi 

L'emittente cinese CCTVNews,  ha riportato la tragica storia avvenuta presso un villaggio del luogo: quattro fratellini di età compresa tra i 5 e i 13 anni si sono suicidati. 

Erano stati abbandonati dai genitori, in difficoltà economiche, presso la loro fatiscente abitazione. 

I genitori che avevano lasciato il villaggio, in cerca di lavoro, avevano lasciato un bancomat al più grande, affidandogli l'oneroso compito di prendersi cura dei fratelli più piccoli.

C'era una volta -e c'è ancora oggi- un piccolo villaggio dove viveva una povera famiglia. 

Tanto povera, da decidere di dover abbandonare i suoi bambini Hänsel e Gretel, nel bosco: "nel punto dove è più fitto e buio. Soli, laggiù".

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS