Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Per la serie “a volte ritornano” in questi ultimi mesi si risente parlare di SIM Swapping o semplicemente sim swap, una tecnica che consente al malintenzionato di impossessarsi del numero telefonico della vittima, sfruttando il lecito meccanismo che consente la portabilità dell’utenza da una sim ad un’altra.

In altre parole qualcuno fingendosi il reale intestatario della linea richiede la portabilità della stessa su altra scheda disponendo cosi del controllo di tutte le attività abbinate a quel numero. In particolare nei cosiddetti servizi di autenticazione a due fattori dove oltre alla password per accedere ad un account, viene richiesto anche un codice di verifica che viene inviato al numero di cellulare associato, come su un conto online o su altri servizi compresi i wallet o anche social network. Siccome in ambito informatico tutto o quasi è possibile, occorre adottare degli accorgimenti per prevenire questo tipo di attacco dal quale nessuno è immune. Il primo seppur banale è quello di non utilizzare il proprio numero di cellulare per l’autenticazione in due fattori, optando per servizi specifici mediante app come ad esempio Google Authenticator. Se invece non si vuole utilizzare neanche l’app meglio optare per un messaggio email seppur, anche li, avvalendosi di modalità di accesso sicure. Altra alternativa ai sopra citati metodi sono gli autenticatori hardware come ad esempio Google Titan Security Keys. Rimane infine la curiosità di capire come rendersi conto di essere vittima di questo attacco: semplice! il dispositivo nel quale è in uso la sim non avrà più segnale di rete da parte del proprio operatore. Magari se si è connessi ad una Wi-Fi non sarà subito percettibile l’interruzione se non notando l’indicatore del segnale di ricezione ovvero le famose tacche dove una corrisponde al minimo e quattro al massimo. In caso di attacco e a seconda del dispositivo in uso le tacche andranno a zero e al loro posto comparirà una dicitura tipo “nessun servizio”, “rete non trovata”, ecc... Tale situazione ovviamente può anche essere causata da un temporaneo problema di linea dell’operatore ma basterà contattarlo attraverso il numero dedicato all’assistenza clienti per segnalare il problema attraverso un’altra linea funzionante ovviamente. Se infine dalla chiamata accertate che qualcuno ha richiesto la portabilità su altra sim, chiedete subito l’annullamento della pratica e il ripristino della precedente. Poi recatevi presso un qualsiasi ufficio di polizia e formalizzate una querela per i fatti accorsi chiedendo di perseguire gli autori per tutti i reati che l’A.G. ravviserà.

Torna in alto