Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La trilogia dei colori” di Maxence Fermine

“La trilogia dei colori” di Maxence…

Sono certa che il più gra...

“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

Prev Next
A+ A A-

Femminicidio: “E se rivedessimo meglio anche le fiabe?”

Femminicidio: “E se rivedessimo meglio anche le fiabe?”

Fiabe antiche e significati attuali: La Sirenetta di Hans Christian Andersen, storia ordinaria di un tempo mai tramontato.

Di Enza Bifera[1]

Da qualche giorno mi viene in mente la fiaba della Sirenetta di Hans Christian Andersen e la mia attenzione si concentra sul significato simbolico che può evocare.
La Sirenetta, per amore, rinuncia alla sua voce.

La sua voce, in cambio di una possibilità: far innamorare il bel principe.

Così, la strega dei mari le taglia la lingua.

E seppure all'inizio la Fiaba chiarisce che, per ottenere un'anima eterna, la Sirenetta dovrà riuscire ad amare ed essere amata - alludendo, quindi, all'incontro del maschile e del femminile e lasciando presagire l'integrazione del proprio sé - il messaggio terrificante arriva puntuale di seguito, scardinando ed annullando, laddove ci fossero, i buoni propositi iniziali e mettendo a tacere ogni possibilità di un buon lieto fine.

Il caro prezzo, decisamente oltremodo oneroso per la Sirenetta, sarà quello di mettere a repentaglio la propria identità  per amore.
Che cosa rappresenta, infatti, la voce se non la traccia, le orme, la matrice, l'essenza stessa della nostra Identità.

La nostra voce ci "identifica". Le persone attorno a noi "riconoscono" la nostra voce che ci rappresenta: ne colgono il timbro, il calore, la forza, il potere seduttivo e quanto altro la voce si fa "portavoce" dei contenuti della nostra anima.
La voce crea, costruisce relazioni e ancora allontana, accattiva, cura, demolisce, libera, imprigiona, risana, distrugge.
Ben presto impariamo che la nostra Voce crea la nostra realtà.
La voce è legata alla nostra identità. E alla possibilità di creare attorno a noi.
Non a caso, in molte discipline orientali e marziali, la voce è l'espressione del proprio KI (in giapponese spirito, energia, forza vitale, etc.).

Andersen rappresenta la penna di un patrimonio collettivo dai contorni culturali ben definiti e certamente attuali ma mai bisognerebbe rinunciare alla propria "voce- identità- anima".

Neppure per amore.

E mai un Amore, ciò che è davvero amore, si sognerebbe di imporre una rinuncia: rinuncia della propria vera essenza, rinuncia del viaggio di vita, rinuncia di consapevolezza, rinuncia di individuazione, rinuncia di scoperta e ri-scoperta del proprio sé più autentico.
La perdita della "lingua" della Sirenetta rappresenta, a mio avviso, quel burqa simbolico (neppure tanto, poi, così simbolico) che la subcultura intende imporre, purtroppo ancora oggi, all’identità della donna.


Vincenza Bifera

 



[1] Pedagogista specializzata in disturbi del comportamento e dell'apprendimento. Consulente familiare.

 © Riproduzione Riservata

Torna in alto