Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

Ingegneri Apple pronti a licenziarsi: non violeremo l'iPhone

Ingegneri Apple pronti a licenziarsi: non violeremo l'iPhone

Nella querelle tra Apple e Giustizia USA si inseriscono gli ingegneri dell'azienda. Alcuni esperti di sicurezza sarebbero pronti a dimettersi pur di non sbloccare l'iPhone.

 Fonte: http://www.tomshw.it/ di Dario D'Elia


Se la Giustizia statunitense dovesse ordinare ad Apple di sbloccare i suoi smartphone, per agevolare il lavoro degli inquirenti, alcuni esperti di sicurezza dell'azienda potrebbero licenziarsi. Il New York Times riporta che almeno 6 dipendenti, che hanno lavorato attivamente allo sviluppo della piattaforma di sicurezza e servizi mobili, avrebbero avanzato l'ipotesi di dimissioni.

"Questa costrizione è fondamentalmente offensiva per i principi fondanti di Apple emetterebbe a serio rischio l'autonomia dell'azienda e dei suoi ingegneri"si legge nel documento che i legali Apple hanno recapitato alla Corte Distrettuale Federale della California.

Secondo il venture capitalist Jean-Louis Gassée, ex ingegnere Apple, "se il governo provasse a costringere questi ingegneri a testimoniare o ad agire, bisognerebbe augurargli un in bocca al lupo". A suo parere esiste ancora un tratto culturale e uno spirito di ribellione in azienda che risale ai tempi di Jobs e Wozniak.

"Gli stessi ingegneri che hanno realizzato la solida cifratura dell'iPhone per proteggere i nostri utenti, ironicamente, sarebbero obbligati a indebolire quelle protezioni e rendere i nostri clienti meno sicuri", si leggeva nella lettera recapitata da l'AD Tim Cook ai consumatori.

Insomma, pare che gli esperti di sicurezza di Apple non siano affatto intimoriti di lasciare il lavoro. Anzi, una volta sul mercato – considerata la loro competenza e lealtà – potrebbero godere solo di vantaggi e individuare immediatamente un nuovo committente.

L'effetto collaterale di questa dipartita si farebbe comunque sentire in Apple, poiché ogni attività è molto compartimentata. L'azienda ha stimato che per rispondere all'eventuale richiesta del giudice ci vorrebbero tra i 6 e i 10 ingegneri impegnati per circa un mese. Se i team di sicurezza perdessero componenti sarebbe un problema e i tempi potrebbero notevolmente allungarsi.

La battaglia di dichiarazioni prosegue e a questo punto c'è grandissima attesa per l'evento Apple di lunedì. Tim Cook potrebbe approfittare della platea internazionale per ribadire la posizione dell'azienda e forse rilanciare il guanto di sfida alla Giustizia statunitense.

Torna in alto