Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Arte e gioielleria

Arte e gioielleria

Quando arte e gioielleria...

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza gue...

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinier…

Scrittura e arte: abilità...

La storia di Marco e la sorpresa di Raoul

La storia di Marco e la sorpresa di…

Nella serata di ieri, sab...

“Producendo per gli altri, ho trovato me stesso”: intervista a SebastiAn

“Producendo per gli altri, ho trova…

In SebastiAn c’è sempre s...

L'augurio di Buon Natale 2019

L'augurio di Buon Natale 2019

"La musica è arte e a Bol...

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no a…

Non vi è dubbio che si st...

PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

“Lose Control? E’ nata in venti minuti, come Piece of Your Heart”: intervista a Meduza

“Lose Control? E’ nata in venti min…

Dopo quest’estate, non se...

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (direttore Catholic Center Giordania): “Religioni e Stati insieme per la fratellanza umana”

L’INTERVISTA. Padre Rifat Bader (di…

“Bisogna lavorare insieme...

Prev Next
A+ A A-

La rubrica di Convincere dedicata al settore della Comunicazione con particolare riferimento anche alle nuove forme.

WhatsApp attiva la crittografia end-to-end: cosa significa, guida alla verifica

WhatsApp ha attivato la crittografia end-to-end per un miliardo di utenti. Jan Koum e Brian Acton, i fondatori di WhatsApphanno annunciato l'introduzione della crittografia end-to-end per tutte le comunicazioni possibili attraverso la propria piattaforma: messaggi, foto, video, messaggi vocali, documenti e chiamate. Si tratta di un cambiamento importante che permetterà agli utilizzatori di uno dei servizi di messaggistica più utilizzati al mondo, di mantenere la massima riservatezza sui propri dati personali evitando la raccolta di informazioni sensibili riguardanti l'utente o l'utilizzo che fa del servizio.

Leggi tutto...

INTELLIGENCE E COMUNICAZIONE

Il sacrificio di Nicola Calipari  ucciso a Bagdad dai soldati statunitensi nel marzo 2005 costrinse  la sinistra radicale ad ammettere che negli apparati di sicurezza dello Stato lavoravano uomini e donne per bene, prima del sequestro della Signora Sgrena, infatti, per la stampa orientata a sinistra il Sismi ora Aise non svolgeva opera di intellingence in una più generale missione di pace, ma partecipava, invece, attivamente ad una occupazione illegale a fianco degli Stati Uniti con scopi non umanitari ma decisamente commerciali ed economici.

Certo il Servizio di Intelligence dello Stato non e non deve essere la Comunità di Sant’Egidio, ma non è neppure un servizio segreto infido e sleale dedito ad insabbiare verità inconfessabili, è solo un’organizzazione che svolge compiti informativi e di sicurezza per la difesa e l’integrità dello Stato e dei cittadini italiani e che in Iraq ed in altri teatri ha operato ed  opera con successo alla pacificazione del paese ed alla soluzione delle situazioni di crisi che vedono protagonisti i nostri connazionali.

Leggi tutto...

DALL'HOMO SAPIENS ALL'HOMO VIDENS

Le tecnologie multimediali, di fatto, definiscono una rivoluzione radicale nelle abitudini di vita e nei consumi. I cambiamenti riguardano ogni attività e ogni momento della vita quotidiana: la scuola, l'educazione, la formazione, il modo di lavorare, il tempo libero, e così via.

Leggi tutto...

Informarsi è difficile, disinformarsi è molto facile

Quante volte abbiamo sentito parlare di classifiche sulla libertà di informazione riguardanti i vari paesi? La scorsa settimana è uscita una notizia sul miglioramento della posizione dell’Italia che guadagna 9 punti raggiungendo il 49° posto sui 180 stati presenti sulla classifica della libertà di stampa

Circola spesso una preoccupante “verità” nascente dal fatto che per farsi un’idea occorrerebbe leggersi diverse fonti, e formulare un pensiero da soli. Ma chi effettivamente compie questa attività? E soprattutto c’è la possibilità di fare un’operazione del genere senza disporre di internet? La risposta è purtroppo negativa. Questo avviene perché sfortunatamente molti giornalisti non riportano i veri fatti, ma si fidano delle voci oppure strumentalizzano degli accadimenti influenzati da opinioni personali o peggio ancora dai propri datori di lavoro. La famosa agenda setting potrebbe essere una delle teorie della comunicazione che meglio descrive i processi di costruzione della notizia, che risulta essere frutto della rielaborazione totale o parziale di fatti realmente accaduti e “non fatti”. Seppur questa teoria non escluda internet come strumento, possiamo dire che in rete grazie alla presenza di blogger lo scenario è diverso.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS