Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Il dolore e la rabbia

Il dolore e la rabbia

EEC Press - Il presidente...

La morte dello Stato di Diritto

La morte dello Stato di Diritto

Lo stato di diritto è mor...

La prima "spedizione solare" in Artico

La prima "spedizione solare…

MobileReporter fa la sua ...

Il crollo dello Stato a Genova

Il crollo dello Stato a Genova

Ieri a Genova è crollato ...

IL CEOS APRE A CASTELVECCHIO SUBEQUO LA SEDE DELLA REGIONE ABRUZZO

IL CEOS APRE A CASTELVECCHIO SUBEQU…

La vita sociale nel nostr...

(EEC PRESS) RIORGANIZZAZIONE AGEA – ROMA, 27 LUGLIO 2018

(EEC PRESS) RIORGANIZZAZIONE AGEA –…

Il Presidente della Confe...

"Cara collega" - la lettera di Sergio Marchionne

"Cara collega" - la lette…

Cara Collega, Esiste un ...

ADELPHOE (I FRATELLI)

ADELPHOE (I FRATELLI)

Publio Terenzio Afro, aut...

La lettera di Savona a Boeri del luglio 2017 diffusa in rete

La lettera di Savona a Boeri del lu…

In rete in questi giorni ...

I furti d'auto predittivi dei furti in appartamento. Come difendersi

I furti d'auto predittivi dei furti…

L’esperienza delle Forze ...

Prev Next
A+ A A-

DITELO A MATTARELLA…

Ebbene sì! Dopo il risultato  delle elezioni politiche del 4 marzo e dopo  l’estenuante quanto difficoltosa trattiva per trovare un accordo per iniziare la legislatura e dare un governo al paese; 

sentite, sentite…..il presidente incaricato Giuseppe Conte è costretto a rimettere il mandato ricevuto dal presidente della repubblica perché quest’ultimo non intende nominare, per le idee espresse sulla gestione dell’economia e sulla politica monetaria dell’Unione europea,  il Prof. Paolo Savona ministro dell’Economia; paventando, peraltro, in quali rischi sarebbero incorsi i risparmiatori italiani.

Leggi tutto...

Controllo di Vicinato patrimonio degli italiani

Controllo di Vicinato patrimonio degli italiani. Favoloso aumento delle Associazioni che promuovono il progetto e aderiscono alla Rete Nazionale di ANCDV (Associazione Nazionale Controllo di Vicinato).

Dieci anni di Controllo di Vicinato in Italia. Evoluzione naturale del progetto.

Gli Italiani sanno benissimo che, da molti anni, i concetti di Sicurezza percepita e Sicurezza Partecipata sono diventati bagaglio culturale di tutti. Le condizioni socio-economiche e la multietnicità del nostro Paese hanno portato i cittadini e le Istituzioni a rivedere le dinamiche di Sicurezza ed i reciproci rapporti, al fine di migliorare le condizioni di vita delle città e dei piccoli centri. L’isolamento dovuto all’individualismo che si è venuto a creare all’interno delle nostre comunità, e tutte le problematiche ad esso connesse, ha risvegliato il carattere forte e determinato degli italiani che finalmente, guidati dal volontariato, si stanno riprendendo i propri territori difendendosi dai reati predatori in stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine. All’estero, gli stranieri sono colpiti dalla nostra determinazione, dalla forza di carattere, dallo spiccato senso di appartenenza. Gli italiani, da sempre, si battono per la loro terra con un coraggio invidiabile. Tutte queste caratteristiche hanno fatto si che quel senso di insicurezza percepito, mutasse in una reazione pacifica ma capace di trasformare una risposta emotiva in una razionale e praticabile e tutto questo ha fatto nascere in tutto il territorio nazionale, le pratiche di controllo di vicinato. Queste attività, consistono in aggregazioni spontanee di cittadini, abitanti nelle stesse vie o nello stesso condominio o addirittura quartiere, che imparano ad eliminare le vulnerabilità che rendono più facile l’agire dei ladri e delinquenti vari, recuperando di conseguenza, un rapporto efficace con le Forze dell’Ordine locali con le quali collaborano a stretto giro e senza mai sostituirsi a loro.

L’alba del Controllo di Vicinato Italiano 

Le pratiche di controllo di vicinato (da qui in poi CDV), non sono certo un’invenzione italiana, poiché sono nate negli anni 60’ in America per poi arrivare negli anni 80’ in Europa e, vent’anni dopo, anche in Italia, in concomitanza con la nascita della Polizia di Prossimità. Questo servizio vedeva la luce per la prima volta in Italia nel 2003, con personale della Polizia di Stato, dell'Arma dei Carabinieri e della Polizia municipale, che fornivano i poliziotti, i vigili e i carabinieri di quartiere. Circa la presenza di questi ultimi, va ricordato che, i Carabinieri, avevano riconfermato negli anni 60’ la presenza sui territori metropolitani e urbani in genere, nei quali classicamente si realizzano le funzioni di prossimità così come le intendiamo oggi. 

Leggi tutto...

Nasce l'Associazione Nazionale Controllo Di Vicinato ANCDV

Roma - È stata costituita il 16 maggio 2018 l’Associazione Nazionale Controllo Di Vicinato (ANCDV). Tra i fondatori vi sono buona parte di coloro che circa dieci anni fa hanno portato l’esperienza del Controllo di Vicinato in Italia ispirandosi al modello anglosassone del Neighbourhood Watch. Tra questi si annoverano Roberta Bravi, Francesco Caccetta, Leonardo Campanale, Stefano Leprini, Rodolfo Principi, Paolo Ruotolo e Mirella Seccafieno.

Il Controllo di Vicinato ha visto la luce in Italia alla fine del 2008, con la nascita dei primi gruppi sorti in tre città (Rodano, Castel Ritaldi e Caronno Pertusella). In poco meno di dieci anni il progetto è stato protagonista di una diffusione esponenziale, riuscendo rapidamente a radicarsi in oltre 500 comuni d’Italia, coinvolgendo centinaia di migliaia di famiglie in più di 12 Regioni. Tutto questo grazie all’impagabile contributo di centinaia di volontari, oltre che del sostegno di Forze dell’Ordine ed amministrazioni.

Leggi tutto...

L'ATTIMO DI MEZZO A RIETI

  • Pubblicato in Eventi

Grazie alle promesse mantenute dalle amiche di Rieti, grazie alla disponibilità e alla condivisione della Libreria Mondadori...... tra una settimana parlerò del mio romanzo anche di fronte a questa nuova platea.

Leggi tutto...

MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA

  • Pubblicato in Eventi

Tratto dall’omonimo libro di Concita De Gregorio, pubblicato da Feltrinelli

 

Progetto di Giorgio Barberio Corsetti e Gaia Saitta

 

Adattamento teatrale Gaia Saitta

 

Regia Giorgio Barberio Corsetti

 

Con Gaia Saitta

 

Scene Giuliana Rienzi

Video Igor Renzetti

Luci Marco Giusti

 

Una Produzione Fattore K.

 

Lo spettacolo è parte del progetto EU Collective Plays! Project co-funded by the Creative Europe Programme of the European Union

 

 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS