Politica

BRUXELLES, IL BERSAGLIO IDEALE

Hanno scelto Bruxelles perchè è il simbolo dell’Europa che ha rinunciato ai suoi valori per una pace mai arrivata.

Hanno scelto Bruxelles perchè in Belgio i Jahidisti sono stati per anni tollerati fino ad avere una vera e propria egemonia etnica.

Hanno scelto Bruxelles perchè gli apparati di sicurezza belgi in questi ultimi quattro mesi non  hanno fatto passi avanti, arretrando invece in termini di prevenzione.

Oggi non possiamo più ascoltare i profeti televisivi che cercano le motivazioni sociali di islamici emarginati per giustificare un attentato e una strage, non siamo di fronte ad un ragazzo depresso che decide di farsi esplodere, non è così.

L’Europa, sbagliando, ha scelto di stringere alleanze strategiche con gli uni e con gli altri pensando che questo potesse portare alla pace ed invece siamo in guerra.

Gli attentati di Bruxelles indicano chiaramente una vera e propria tattica di intervento pianificata da tempo e gestita con una catena di comando e controllo di formazione militare, la risposta all’attacco non può essere sempre e solo emozionale, ed apparentemente dura per una settimana, per poi trasformarsi in retorica fino al prossimo attentato.

Occorre, invece, creare una intelligence coordinata in tutta Europa con  condivisione delle banche dati, nuovi sistemi di difesa passiva degli obiettivi a maggior rischio, anagrafe della video sorveglianza nelle città, analisi attiva delle riprese video e massicce azioni preventive di controllo sugli ambienti culturali islamici che generano il radicalismo.

Frontex ed Europol lavorano ancora su data base separati, il Belgio ha sei corpi di polizia che non comunicano ed una intelligence incapace di infiltrarsi.

Molenbeek è un ghetto di 90.000 persone di religione islamica, totalmente impenetrabile dall’esterno, ed è l’esempio di una Europa capace solo di generare ghetti etnici su cui non riesce ad avere alcun controllo.

Dobbiamo,oggi, avere paura del futuro, ma dobbiamo anche essere pronti a difenderci con una vera strategia comune di intervento, coordinata da un Fusion Center, letteralmente Centro di Fusione, incardinato su tre livelli: Politica – Intelligence – Militare, che corrisponde rispettivamente alla decisione politica, all’analisi strategica ed all’azione operativa.

Occorre, inoltre, agire sullo scenario internazionale, basta strizzare l’occhio ad Arabia Saudita e Quatar che alimentano economicamente le correnti salafite, brodo di coltura del terrorismo islamico.

A Bruxelles, inspiegabilmente, non  sono state applicate le procedure di difesa previste durante un attacco terroristico.

Un’ora dopo le bombe in aeroporto il Metro non era stato chiuso, perché?.

Il filtro di polizia in borghese all’interno dell ‘aerostazione non c’era, perché?.

Il dubbio che una Spectra mondiale cerchi di instaurare un nuovo ordine esiste, e se nelle prossime settimane  il contrasto al terrorismo non si declinerà in azioni concrete, allora sarà più di un dubbio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button